Quando si decide di intraprendere un’attività sportiva, è necessario rivolgersi ad un professionista certificato in grado di comprovare il nostro reale buono stato di salute. Sebbene la legge intenda obbligatorio questo passaggio solamente per le attività sportive di tipo agonistico, sempre più spesso a richiedere questo tipo di certificato sono anche le strutture private nelle quali praticare sport non agonistici.

Essere certi che lo sportivo sia in perfetta salute è importantissimo per evitare che l’attività fisica possa compromettere il funzionamento di qualche organo a causa di eventuali patologie pregresse, magari mai verificate ed approfondite in maniera opportuna.

Quando il certificato viene richiesto per attività sportive agonistiche, la visita cui il paziente dovrà sottoporsi potrà essere di tue tipi:

  • Visita con solo elettrocardiogramma a riposo;
  • Visita che include elettrocardiogramma durante e dopo lo sforzo.

La differenza tra le due visite dipende sostanzialmente dal tipo di attività agonistica per la quale il certificato viene richiesto. Nella seconda, oltre alla raccolta dei dati usuali per una visita di questo genere come patologie ereditarie, altezza, peso, valori pressori, auscultazione toracica, elettrocardiogramma a riposo, analisi delle urine e test spirometrico, la parte fondamentale è stabilire se il cuore regge bene lo sforzo fisico e come recupera al termine. Qualora dovessero emergere dei dubbi, il medico decide di approfondire la situazione clinica del paziente con esami come l’ecocolordoppler sospendendo il giudizio e non concedendo, in quella visita, il certificato richiesto. Si tratta di una misura cautelativa volta a dissipare ogni dubbio prima di esser certi che l’atleta possa davvero allenarsi ad alti livelli senza ripercussioni sulla sua salute.

Ma come viene svolto il test da sforzo? Solitamente per persone al di sotto dei 35 anni, una volta attaccati gli elettrodi appositi, il paziente verrà invitato a salire e scendere da uno step. Il test viene svolto invece con cyclette per coloro che hanno superato i 35 anni. Scegliere il giusto professionista per questo tipo di controllo è fondamentale per la validità del certificato che sarà rilasciato. Solitamente è possibile richiedere una visita di questo tipo presso ospedali, Asl zonali, poliambulatori e centri di medicina dello sport. Nella grandi città è possibile trovare più facilmente strutture pubbliche o private autorizzate al rilascio di questo attestato. Se avete necessità di ottenere il rilascio del certificato medico sportivo a Firenze, ad esempio, è bene sapere che moltissimi centri sportivi e palestre, stringendo convenzioni molto utili, permettono di svolgere questo tipo di visita presso strutture autorizzate grazie alle quali ottenere interessanti sconti ed agevolazioni